Assessore dal 2014 al 2016 del Comune di Padova con delega alla Tutela dei Consumatori Partecipazione, Trasparenza, Cooperazione Internazionale, Decentramento e Quartieri.

Eletta nel 2007 a Conegliano, nella lista di Alleanza Nazionale, consigliere comunale fino al 2012, e rieletta nella lista del Popolo della Libertà.

Nel 2008 fondo insieme ad un gruppo di professioniste “LiberamenteDonna Onlus“, un’ associazione di volontariato contro la violenza sulle donne. Nel 2012 fondo, l’associazione “Vittime di Equitalia“. Nel 2013, insieme a dei colleghi, ho costituito un’associazione “Res Publica Academy“, che si pone la finalità di formare nuove figure professionali.

Dirigente provinciale di Alleanza Nazionale prima e del PdL poi, nel 2013 partecipo alla fondazione di Fratelli d’Italia.

Componente del Coordinamento regionale di FdI Veneto, nel febbraio 2014 vengo eletta dirigente provinciale di Padova e il 9 marzo dello stesso anno vengo eletta, al primo congresso di FdI-An a Fiuggi, componente dell’Assemblea Nazionale di Fratelli d’Italia- Alleanza Nazionale.

Amo la tradizione nazionale in cucina. Adoro le lunghe passeggiate in montagna con il mio cane Camilla e i 2 cuccioli che mi ha regalato: Isotta e Frodo. Pratico sport acquatici.

Sono laureata in Economia e commercio all’Università degli Studi di Trento, mi occupo di consulenze di Marketing e Comunicazione e sono autrice di “Vademecum del candidato politico” edito da Galassia Arte, Roma. Collaboro con alcune testate giornalistiche e Tv locali e nazionali.

 

3 pensieri riguardo “Chi sono

  1. Per ridurre alcuni sprechi, per prima cosa eliminerei la pobbibilita’ di cedere gratuitamente alla conunita’ Africana gli spazi conunali fino ad ora concessi.
    Doveveno fare mediazione culturale ma fanno tutt’altro e non insegnano come si vive in un paese civile.
    Chiedo quindi che si provveda in tal senso, togliere lo spazio comunale per i òoro incontri.

  2. Per ridurre alcuni sprechi, per prima cosa eliminerei la possibilita’ di cedere gratuitamente alla conunita’ Africana gli spazi conunali fino ad ora concessi.
    Doveveno fare mediazione culturale, ma fanno tutt’altro, e non insegnano come si vive in un paese civile.
    Chiedo quindi che si provveda in tal senso, togliere lo spazio comunale per i loro incontri.
    Molte volte sono andata dal loro rappresentante a segnalare scorrettezze sugli appartamenti affittati regolarmente agli africani. Non ha mai richiamato nessunoe tutti hanno continuato a occupare appartamenti senza pagare affitto e spese condominiali.
    La mediazione culturale serve per spiegare ai loro connazionali come si deve vivere qui, non per far feste ecc.

    1. Grazie Letizia,

      verificherò di persona la serietà dell’attività svolta dalle associazioni alle quali ti riferisci per evitare che per colpa di pochi debba pagare l’intera comunità di cittadini coneglianesi per bene.

      Marina Buffoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...